un popolo e un consiglio comunale preso solo in giro?

Tante cose possono essere dimenticate o rimosse dalla propria mente. Ma credo che la stagione che caratterizzò il confronto politico a Ciminna, tra il 28 ottobre del 2015 al 11 giugno del 2017 non potrà ne essere rimosso ne essere offuscato. Quante parole dette in tanti comizi, assemblee cittadine e sedute all’assemblea regionale siciliana. Quante parole scritte in verbali di consiglio comunale e non solo. Quanta carta stampata, sulle testate giornalistiche, sui social. Una vera battaglia che vide in un metaforico tribunale dell’inquisizione contrapporsi, presunti buoni e presunti cattivi. Nell’assoluta presunzione di chi si ergè a buono, alcuni si affrettarono a decretare sentenze e condanne morali che il popolo in totale buona fede credette ma che oggi, i fatti scofessano.  Si organizza oggi un incontro in cui leggo nomi e cognomi di gente che allora era in contrapposizione netta e chiara e che non voleva sentire ragione alcuna. Il titolo è sibillino e sa di giustificazione.  Le stesse persone che oggi sono favorevoli al tema trattato, allora erano acerrimi oppositori. Basta riascoltare video,  leggere carte, guardare programmi elettorali, per capire che oggi tutto è stato capovolto, il popolo tradito, il consiglio comunale declassato a comparsa e nulla di più. Non leggo tra i relatori di questo evento, il nome del presidente e dei componenti della commissione speciale costituita appositamente per garantire che l’installazione delle antenne sorte nel passato e moltiplicatesi nel presente, rispettassero le norme vigenti e non mettessero a rischio la salute dei cittadini. Di questa commissione speciale, non si è più saputo nulla, non si sa se ha operato, se ha svolto il lavoro per la quale era stata creata e per cui il consiglio comunale l’aveva costituita con lo scopo di garantire la popolazione. Cosa è successo, perchè questo silenzio fino ad oggi? Perchè, oggi, questo evento che scavalca un organo istituzionale che aveva il mandato di essere garanzia del popolo? Perchè gli organizzatori non hanno invitato la commissione speciale presieduta dal consigliere comunale, Angela Lazzara? Una risposta doverosa la dovrebbero pretendere quei consiglieri comunali che hanno dato la fiducia al sindaco votando il bilancio di previsione 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *